Martedì, 31 Maggio 2016 09:33

Detrazioni e risparmi per l'acquisto di condizionatori

Scritto da Romina P.
Vota questo articolo
(1 Vota)
Con l'arrivo dell'estate si ripropone il problema del caldo estremo.
Scatta la corsa all'acquisto di condizionatori d'aria e climatizzatori che, nel tempo, hanno sostituito i vecchi ventilatori. Se infatti una volta ci accontentavamo di questo semplice elettrodomestico per affrontare le notti afose, oggi non possiamo fare a meno di avere il condizionamento.
Sembra che non riusciamo più a sopportare l'estremo caldo. Eppure le temperature sono sempre quelle. Forse le percepiamo in maniera differente e ci siamo abituati.
La novità è che per il 2016 possiamo godere del 50% di detrazioni sulla spesa per acquisto e montaggio di un condizionatore.
Rientra nel cosiddetto "bonus mobili" per acquisti con importi non superiori a 10.000 euro. L'unica condizionè è che il condizionatore sia in classe A+.
 
Sul mercato ad ogni modo, i prezzi dei climatizzatori sono scesi moltissimo negli ultimi anni. Riusciamo ad acquistarne uno anche per € 300, da 9000 Btu, utile per una stanza fino a 20 mq. Successivamente dobbiamo spendere circa 250 euro per farlo istallare.
Montare un impianto di condizionamento infatti non è cosa semplice. C'è bisogno di uno specialista, un professionista, un frigorista con patentino che sappia maneggiare i tubi, il gas e allacciare l'impianto elettrico. Se non possiamo montare il motore esterno per problemi condominiali, possiamo optare per il condizionatore portatile, il famoso Pinguino De Longhi.

Le marche più affermate del settore sono Daikin e Mitsubishi, condizionatori che possono arrivare a costare anche 1200 - 1500 euro, ma che garantiscono un'altissima efficienza. Ci sono poi Samsung, Lg, Panasonic, Fujitsu e le italiane Ariston e Riello. Si tratta di condizionatori in classe A+, che, come già specificato, possono godere anche delle detrazioni fiscali del 50%, che possono essere ottimamente utilizzati anche in inverno, come alternativa ai termosifoni. Sono molti infatti a preferire questi prodotti alle caldaie a gas.
Il loro vantaggio è che scaldano immediatamente un ambiente, nel giro di 10 minuti riescono a portare a temperatura una stanza.
Sono facili da montare, non necessitano di manutenzione e, se abbinati ai pannelli fotovoltaici, consentono di avere il riscaldamento in maniera gratuita, almeno durante il giorno quando c'è il sole.

Con le nuove tariffazioni, l'energia elettrica costa anche di meno. Il costo del kilowatt infatti, già a partire dal 2016 ed in maniera completa dal 2018, non si incrementa in maniera proporzionale al consumo annuo, lo paghiamo sempre lo stesso prezzo.
Questo consente di risparmiare sulla bolletta e di prendere in seria considerazione il climatizzatore in pompa di calore come reale alternativa al riscaldamento a GAS

Pubblicazione GRATUITA nei portali

CERCHI UN GESTIONALE MLS IMMOBILIARE GRATUITO? BORSINOCASA È LA RISPOSTA ALLE TUE ESIGENZE.
GESTISCI, CONDIVIDI E PUBBLICA ONLINE I TUOI ANNUNCI IMMOBILIARI

Screenshot di anteprima del gestionale immobiliare BorsinoCasa MLS
 

Questo sito e gli strumenti da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e, previo tuo consenso, di cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.