Martedì, 23 Febbraio 2016 13:48

Chi vuole un faro ? Boom di offerte dei cittadini

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Terminato a gennaio 2016 il primo bando di gara, unico nel suo genere, per l’assegnazione di 50 fari italiani di proprietà dello stato, da concedere in affitto per i prossimi 50 anni. Grande è stata la partecipazione del territorio, dagli investitori esteri all’imprenditoria immobiliare e 39 sono state le proposte di recupero e riuso.
Il bando è stato gestito dall’agenzia del demanio e dal ministero della difesa/servizi.

Per poter partecipare al bando era necessario presentare un progetto di riqualificazione e valorizzazione del territorio, aggiunti ad un offerta economica libera.
Le proposte idonee, e formalmente corrette, verranno valutate secondo l’offerta economicamente più vantaggiosa, mentre la valutazione della proposta terrà conto degli elementi qualitativi come soluzioni di recupero del faro, manutenzione, friabilità pubblica, contributo allo sviluppo locale e la possibilità di creare una rete tra più strutture, attraverso servizi ed attività condivise.
La fase di gara è stata preceduta da una consulaltazione pubblica online che ha permesso di raccogliere idee sugli scenari di valorizzazione.
Tale valorizzazione è un’assoluta novità nel nostro territorio, i fari, da sempre oggetto di fascino e cultura verranno, finalmente, riportati a nuova vita, e potremmo dire davvero, grazie a ”noi”.

Articolo tratto da “il secolo XIX”

Pubblicazione GRATUITA nei portali

CERCHI UN GESTIONALE MLS IMMOBILIARE GRATUITO? BORSINOCASA È LA RISPOSTA ALLE TUE ESIGENZE.
GESTISCI, CONDIVIDI E PUBBLICA ONLINE I TUOI ANNUNCI IMMOBILIARI

Screenshot di anteprima del gestionale immobiliare BorsinoCasa MLS
 

Questo sito e gli strumenti da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici e, previo tuo consenso, di cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.